Nascita Riconoscimento di paternità

Padre di un bambino che non è nato da un’unione coniugale, è colui che ha riconosciuto il bambino come il suo, o la cui paternità è stabilita da una decisione giudiziaria.

Il riconoscimento di paternità si applica ed è iscritto nel registro delle nascite soltanto se concorda la madre del bambino, che ne viene informata dall’ufficiale di stato civile.

Il padre può riconoscere il bambino come suo presso il centro per il lavoro sociale, davanti a un ufficiale di stato civile, in un documento pubblico o nel testamento.


Il riconoscimento di paternità può essere concesso da persona giudiziosa e di almeno quindici anni di età.


Il riconoscimento di paternità si applica ed è iscritto nel registro delle nascite soltanto se concorda la madre del bambino, che ne viene informata dall’ufficiale di stato civile.


Se la madre non concorda con tale riconoscimento o non fornisce una dichiarazione entro un mese dal ricevimento della notifica, colui che ha riconosciuto il figlio come suo può ricorrere al tribunale per determinare la paternità. Il ricorso può essere proposto entro un anno dalla ricezione dell’avviso che la madre concorda con il riconoscimento della paternità, ma solo entro cinque anni dalla nascita del bambino.

Commenti