Pensionamento Pensione d’invalidità

All’insorgere dell’invalidità, l’assicurato ha diritto alla pensione d’invalidità.

La pensione d’invalidità sostituisce il reddito ricevuto durante il periodo di attività.

Hanno diritto alla pensione d’invalidità:


  • gli assicurati con invalidità di categoria 1,
  • gli assicurati con invalidità di categoria 2 e incapacità di lavorare adeguatamente a tempo pieno senza la riabilitazione professionale, che non è garantita a causa dell'età superiore a 55 anni,
  • gli assicurati con invalidità di categoria 2 e incapacità di lavorare adeguatamente a tempo parziale, almeno 4 ore al giorno, senza la riabilitazione professionale, che non è garantita a causa dell'età superiore a 50 anni,
  • gli assicurati con invalidità di categoria 2 e 3 per cui non può essere garantito un lavoro a causa dell'età superiore a 65 anni,


Se l'invalidità è conseguenza d’infortunio o malattia professionale, il diritto alla pensione di invalidità si acquisisce a prescindere dal periodo pensionabile completato. Se l’invalidità è conseguenza di malattia o infortunio di fuori del luogo di lavoro, si ha diritto alla pensione d’invalidità solo se si è raggiunto il periodo pensionabile, che copre almeno un terzo del periodo da 20 anni di età all’insorgere dell’invalidità. Ad esempio, se all’insorgere dell’invalidità si hanno 38 anni, è necessario disporre di almeno 6 anni di periodo pensionabile per acquisire il diritto alla pensione d’invalidità.


Gli assicurati, la cui invalidità di categoria 1 è insorta prima del compimento di 21 anni, acquisiscono il diritto alla pensione d’invalidità se, all’insorgere dell’invalidità, sono registrati all’assicurazione sanitaria obbligatoria, o hanno almeno 3 mesi di periodo assicurativo. Se l’invalidità di categoria 1 è insorta dopo aver compiuto 21 anni, ma prima dei 30 anni, gli assicurati acquisiscono il diritto alla pensione d’invalidità se, prima dell’insorgere dell’invalidità, hanno completato un periodo pensionabile che copre almeno un quarto del periodo lavorativo. Per gli assicurati con una maggiore formazione professionale, il periodo lavorativo si conta a partire dall'età di 26 anni, mentre per quelli con un alto grado professionale o universitario a partire dall’età di 29 anni.


La procedura per l'esercizio del diritto alla pensione d’invalidità, inizia con la richiesta dell'assicurato o la richiesta del medico personale dell'assicurato, del medico designato o del medico del lavoro.

Commenti