Pensionamento Pensione familiare

È la prestazione pensionistica che spetta al membro familiare superstite del defunto assicurato o beneficiario della pensione.

Per acquisire il diritto alla pensione familiare, è necessario soddisfare le condizioni sia del defunto che della persona che esercita tale diritto.

Il diritto alla pensione di familiare possono ottenerlo figli, figliastri, nipoti, altri bambini senza genitori e genitori che il deceduto assicurato o il beneficiario dei diritti sostentava, secondo i regolamenti che disciplinano il matrimonio e le relazioni familiari.


I membri familiari acquisiscono il diritto alla pensione familiare del defunto assicurato o del beneficiario dei diritti, se sono state soddisfatte le condizioni per ottenere la pensione anticipata, di vecchiaia o d’invalidità, per cui il decesso è considerato come invalidità di categoria 1. Se il decesso è conseguenza di infortunio sul lavoro o malattia professionale, il membro familiare acquisisce il diritto alla pensione familiare a prescindere dal periodo pensionabile completato dal defunto.


I bambini acquisiscono il diritto alla pensione familiare fino all’età di 15 anni o fino al termine della scuola, fino all'età massima di 26 anni. I bambini che non frequentano la scuola hanno diritto alla pensione familiare fino a 18 anni, se iscritti all’Ufficio di collocamento nel registro delle persone disoccupate e se hanno adempiuto a tutti gli obblighi previsti dai regolamenti che disciplinano il mercato del lavoro. Le stesse condizioni valgono anche per figliastri, nipoti e altri bambini senza genitori che la persona assicurata o il beneficiario dei diritti ha sostentato fino al suo decesso.


I genitori sostentati dal defunto fino al suo decesso, possono ottenere il diritto alla pensione familiare se, fino al decesso dell’assicurato o beneficiario dei diritti, hanno compiuto 60 anni o sono totalmente incapaci di lavorare. Per l'età della madre si applica anche un periodo di transizione che, nel 2015, è di 59 anni.


Si ritiene che l’assicurato o il beneficiario del diritto alla pensione familiare abbia sostentato i propri membri familiari se:


  • ha avuto fino al proprio decesso una residenza stabile con essi e
  • il reddito medio mensile del membro della famiglia, nell'ultimo anno di calendario prima della sua morte, non ha superato il 29% della pensione base minima.


Per totale incapacità lavorativa, come condizione per l’acquisizione del diritto alla pensione familiare o di reversibilità per i bambini, si considera l'incapacità di vivere in modo indipendente, e per altre persone l’invalidità di categoria 1.

Commenti